img

ATTIVITA' ISTITUZIONALE

Image Caption

Prato: contraffazione ed evasione fiscale nel tessile

Gli Enti locali e la Commissione Ue devono intervenire con urgenza per combattere concorrenza sleale, evasione fiscale e contraffazione nella produzione tessile cinese a Prato. Si è creata, in uno dei distretti tessili più importanti d’Europa, una forza economica parallela che pratica dumping commerciale sistematico ai danni delle imprese italiane ed europee del settore.
Sono sempre più numerosi i reati e le violazioni della legge nella produzione tessile cinese in Italia, in particolare nella provincia di Prato. Non solo contraffazione delle merci, ma anche sfruttamento della manodopera, smaltimento illecito di rifiuti e flusso di denaro non tracciabile verso la Cina. L'ultimo rapporto dell'Ufficio dell'Unione europea per la proprietà intellettuale registra 438 milioni di articoli sequestrati dal 2013 al 2017, per un valore pari a 12 miliardi di euro. Per questo chiediamo alle Istituzioni locali ed europee come intendano intervenire per arginare questo fenomeno criminale.

 

Image Caption Reinvestire proventi da multe per manutenzione stradale

Sei anni fa, durante la campagna elettorale delle elezioni comunali, giocammo a golf muniti di mazze e palline nelle 18 buche più pericolose di Firenze. Era un modo goliardico per segnalare l'emergenza buche in città. Dopo tutti questi anni non è cambiato nulla, e dobbiamo registrare un decesso drammatico di un ragazzo in carrozzina, che è morto dopo essere caduto in una buca in piazza Brunelleschi. Firenze è un multificio, è tra le prime città come numero di multe e nonostante tutto rimane anche il primo comune come degrado del manto stradale. Se solo Palazzo Vecchio avesse veramente reinvestito il 70% degli importi in manutenzione stradale, oggi non saremmo in questa condizione.
Le strade fiorentine sono piene di buche e di avvallamenti.Purtroppo l'Amministrazione comunale non è mai intervenuta seriamente per risolvere il problema, ogni tanto ha fatto qualche 'riasfaltatura spot', ma senza mai incidere nei punti nevralgici. Chiediamo al sindaco di individuare subito, in collaborazione con gli uffici tecnici, i luoghi che necessitano di manutenzione, e di intervenire, stilando un cronoprogramma da comunicare alla città. Casi come quello di Niccolò Bizzarri, o come quello dell'anziano morto dopo essere caduto in via de' Pepi, non devono più ripetersi. 

 

Image Caption

Stop alla circolazione: Trasporti pubblici gratuiti 

Nei giorni di divieto alla circolazione dei mezzi privati per smog, i Comuni interessati devono rendere gratuito per i cittadini residenti il trasporto sulla tramvia e sui bus urbani. Non è corretto mettere degli impedimenti alla libera circolazione delle persone e poi non offrire un'alternativa: la politica dei soli divieti è ingiusta e penalizzante.Fino a sabato 18 gennaio è in vigore il provvedimento del blocco del traffico a Firenze e nei comuni limitrofi (da Scandicci a Sesto, da Calenzano a Signa) per le auto più inquinanti, benzina e diesel, oltre a limitazioni per gli impianti di riscaldamento.
Si tratta del secondo stop del 2020 dopo il primo divieto alla circolazione scattato a inizio anno a seguito degli sforamenti di Pm 10. E' vero che in caso di inquinamento atmosferico sopra le soglie di attenzione, i Comuni sono tenuti a far scattare le ordinanze antismog, ma questo non significa che le Amministrazioni locali non debbano offrire soluzioni alternative come il trasporto pubblico gratuito nei giorni e negli orari interessati dal divieto.

 

Image Caption Produzione tessile a Prato

Presentata interrogazione in merito al distretto tessile di Prato. Sempre più numerosi sono i reati e le violazioni comunitarie nella produzione tessile cinese, in particolare modo nella provincia di Prato. Si tratta principalmente di illeciti relativi allo sfruttamento della manodopera, anche minorile, alle vendite senza licenza, all'evasione fiscale, allo smaltimento illecito di rifiuti, alla contraffazione di prestigiosi marchi italiani. Inoltre la pratica del "dumping commerciale", che introduce nel mercato europeo prodotti a un prezzo inferiore rispetto a quello di mercato, crea danni sistematici al tessuto economico delle nostre imprese.

Image Caption

1,2,3 Stella! L'edicola itinerante

Nuovo appuntamento per martedì 22/01 dalle 15.00 alle 16.00! Seguici sulla diretta facebook.Sarà una puntata speciale dedicata ai nostri amici animali. In diretta dall'ex canile del Termine parleremo non solo della triste vicenda, ma in generale di abbandono e di adozioni. Chiunque volesse partecipare può portare il suo amico quattrozampe...
Ti aspettiamo!

LINK UTILI-NOTIZIE UTILI

Image Caption

Monopattini elettrici:le novità


I monopattini che rientrano nei limiti definiti dal DM 04/06/2019 - potenza nominale massima non superiore ai 500 watt – sono stati equiparati alle biciclette. 
In assenza di vincoli specifici ci si deve attenere a quelli previsti dal codice della strada per le biciclette. I monopattini, quindi, possono circolare nelle stesse aree dove è permesso  il transito delle biciclette e devono essere dotati di regolatori di velocità per la circolazione fuori e dentro le aree pedonali.  Tra gli altri obblighi previsti per i conducenti dei velocipedi e quindi ad ora estesi ai conducenti dei monopattini, quello di condurre a mano il veicolo quando, per le condizioni della circolazione, sia di intralcio o pericolo per i pedoni, nonché la presenza della marcatura CE, di luci catadiottri catarifrangenti da mezz’ora dopo il tramonto del sole a mezz’ora prima del sorgere, e di segnalatori acustici.

 

ENTRA IN SQUADRA, CREA UN COMITATO

img

Sei a conoscenza di argomenti su cui dovremmo chiedere chiarimenti in Giunta o per i quali sarebbe utile proporre delle azioni in Consiglio Regionale? Scrivici a: segreteria.stella@consiglio.regione.toscana.it oppure utlizza il nostro numero WhatsApp 331.52.79.611

Condividi con i tuoi Amici

Facebook

Facebook

Twitter

Twitter

Linkedin

LinkedIn